OST, il manifesto

//OST, il manifesto

OST, il manifesto

Il manifesto della OST

OST

OST

 

Nell’anno del Signore 2014, patrioti della OST, stanchi e soverchiati nel numero, si batterono sul campo come guerrieri, come pesisti guerrieri e si guadagnarono la libertà dalle chimere.

La domanda era:

La OST aiuta tutti?

Non risponderò alla domanda se la OST sia utile a tutti i sollevatori di pesi o meno.

Perché è già deciso a priori nella mente di ognuno di voi che legge: avete già la vostra idea.

È un peccato giudicarci per chi seguiamo come modelli piuttosto che per quello che diciamo, ecco l’errore principale di chi ci osteggia.

Vorrebbero che noi ci allenassimo come loro e come tutti gli attuali culturisti e pesisti dell’era moderna.

Invece noi non ci alleniamo come loro e ne andiamo dannatissimamente fieri!

Voglio dire… cavi e cavetti?

Che tradizione hanno?

La tradizione che umilia e mortifica la natura umana.

Loro vorrebbero che tu assomigliassi un po’ di più a loro perché è la diversità che li spaventa davvero, ma noi sappiamo bene che la Verità prima di essere accettata, viene combattuta.
Un’idea, per quanto onesta, prima si combatte e poi la si accetta.
Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi Tu Vinci.

Loro vorrebbero che tu diventassi una macchina, un automa, un pesista standardizzato.

La vera domanda è:
perché loro temono la OST e la OST non teme loro?

Perché non possiamo coesistere?

Perché?

Perché avete così tanta paura di noi?

Voi tenetevi le vostre regole, le vostre strutture e le vostre torri di avorio e noi faremo a modo nostro.

Perché dovremmo conformarci al vostro stile?

E tu che mi leggi proprio ora, ricorda perché hai iniziato a sollevare pesi. 
Non vogliamo monumenti.

Il nostro desiderio è semplice: il ritorno alle origini gloriose di un tempo raggiante.

Possano tutte le anime dei gloriosi pesisti OST dirti: “vai a dire ai falsi profeti e guru, oh viandante dei pesi, che qui, secondo le leggi della OST, noi resistiamo!
Resistiamo alle fasulle e illusorie teorie dei nuovi pesisti, rampolli di un’era farmacologica, figli un chimico farmaceutico prima che di un sollevatore di ghisa.
Pesisti in giacca e cravatta e dalle mani lisce come il loro petto senza villi.”

Il loro numero ci sovrasta, ma noi li aspetteremo e li accompagneremo alle soglie del rack, li introdurremo verso un futuro più glorioso di quello che ci si possa aspettare!

La realtà vi renderà liberi.
I pre-concetti, invece, solo schiavi.

A molti anni da adesso, persi su qualche nuova macchina luccicante per i bicipiti, siete sicuri che non baratterete i pre-concetti per la libertà e il luccichio delle macchine per una  forte stretta di ghisa?

E se non capirete neanche allora, se insisterete nei vostri vaneggiamenti, o vanesi folli e falsi, sarete giudicati come criminali perché avrete derubato della possibilità di sognare, sognare un fisico meraviglioso, secondo natura e genetica.

E questo è un C R I M I N E !

Adesso, ora, sì, proprio in questo esatto momento, tu che mi stai leggendo, voglio sapere se sei dei nostri, se posso contare su di te.

Che ne pensi?

L’attuale sistema funziona davvero?

O è solo un teatrino montato ad arte per il compiacimento di pochi e per la sottomissione dei molti?

La OST non è una metodologia.

La OST è un viaggio.

E non è forse questo che ti auguri?

Io te lo auguro.

Che tu possa avere delle reali possibilità di crescita, ma che le scopri tu attraverso il viaggio, il tuo viaggio individuale.

Ma alla fine, in fondo, quando le luci saranno spente e il sipario calato, quando i like su facebook per te ormai finiti, così come i selfie ormai completati, non ti servirà la loro approvazione…

Non ci serve la vostra approvazione, guru del moderno bodybuilding, per sapere che ciò che facciamo è giusto perché proviene da un passato glorioso e senza macchia.

Noi non smetteremo di crescere, di lottare e di credere in tutti quegli ideali sani della Old School.

Noi siamo figli della Old School Training e lo resteremo per sempre.

Niente di ciò che direte, farete o griderete potrà portarcelo via.

Noi siamo la OST.

Siamo l’ultimo avamposto per la forza servente all’ipertrofia restato in piedi.

Non temiamo il destino. Non ci tireremo indietro e prima di essere schiuma, saremo indomabili onde.

E una volta presa questa decisione, il destino non potrà mutarne il risultato, solo il modo di realizzazione.

È chiaro ora?

La comunità OST italiana tutta.

 

P.S.: Se sei dei nostri, lasciati conoscere, commenta e/o condividi il post.

By | 2017-02-23T10:41:41+00:00 febbraio 21st, 2017|Generale|0 Comments