Intervista a Erik Neri

Home/Allenamento OST, Interviste/Intervista a Erik Neri

Oggi abbiamo intervistato Erik Neri, grande esperto italiano sull’allenamento a corpo libero.

Vediamo cosa ci ha raccontato.

 Erik Neri


Erik Neri

-Ciao Erik e benvenuto sul blog della Old School Training!

Parlaci un po’ di te. Cosa ti ha fatto preferire il corpo libero ai pesi?

Ciao a tutti! Ho iniziato corpo libero dopo aver visto qualche video su youtube (nello specifico, hannibal for king), mi è piaciuto subito per le evoluzioni che sembravano impossibili e che lasciavano davvero di stucco!

– È davvero possibile, per tutti, avere un buon fisico solo con esercizi a corpo libero?

Penso che chiunque possa ottenere una buona forma fisica eseguendo esercizi a corpo libero; ovviamente non lo consiglio a chi vuole andare a gareggiare al due torri, ma per chi vuole un risultato estetico assolutamente sì. Ovvio, deve piacere.

– Alcuni credono che, tranne se non arrivi al tuo livello, dopo un po’, gli esercizi a corpo libero non danno più lo stimolo necessario per la crescita, che ne pensi?

Esiste sempre un modo per rendere gli esercizi difficili e stare in un range di ripetizioni “basso”. Non c’è bisogno di arrivare ai planche push ups, già eseguire piegamenti in verticale contro il muro full rom è una sfida impegnativa che permette di sollevare un carico di tutto rispetto!

Se si arriva a pensare “ecco, non ci sono più esercizi per me”, vuol dire semplicemente che non piace la disciplina!

– Il tuo capostipite potrebbe essere visto in JASPER BENINCASA http://oldschooltraining.net/jasper-benincasa/, che ne pensi? Ci sono altri atleti del passato a cui ti ispiri?

Mah a dire il vero non sono una gran fan di Jasper, preferisco atleti come John Gill o Marvin Eder!

John_Gill_-_one_arm_lever M.E.

– Con quali programmi hai iniziato ad allenarti?

Un po’ a caso a dire il vero: il corpo è davvero vastissimo e senza una guida diventa dispersivo! Ho cercato di leggere in giro e farmi i programmi da solo, ma a rivederli ora c’è da mettersi le mani nei capelli.

– Per arrivare al tuo livello si deve partire per gradi. Come dovrebbe approcciarsi un neofita al corpo libero?

Basi, basi e ancora basi. Diventare davvero forti nelle trazioni libere è molto importante!

Anche la mobilità articolare è importante, bisogna dargli spazio per assicurarsi di evitare di incappare in brutti infortuni!

– Calistenic, corpo libero, funzionale, TRX, sono tutti figli di una unica famiglia?

Mah funzionale e trx mi sembrano modaiole e di passaggio (poi vabbe che dentro la parola funzionale ormai si inserisce tutto quindi..). Trx soprattutto sono la copia sfigata degli anelli xD

– Come ti alleni tu ora?

Divido in isometrie e dinamici, a cui ho aggiunto gli esercizi zavorrati

– Credi che sia davvero possibile arrivare al tuo livello di estetica e di forza, tramite il corpo libero, o il tuo livello è prevalentemente genetica?

Tutte le volte che mi si dice che ho una buona genetica penso a quando alle superiori mi prendevano in giro perché secchissimo e alcuni miei amici mi chiavano “nonno” per la mia forma fisica nulla. Ho ottenuto i risultati grazie all’impegno, madre natura non c’entra!

– Alcuni dicono che le dip o i piegamenti sulle braccia zavorrati siano meglio della panca per il petto, che ne pensi?

Bisognerebbe prendere due gemelli e ad uno fargli fare dip e piegamenti e all’altro solo panca. Ovvio, se diventi fortissimo con tutti non avrai un petto piccolo, ecco.

– E gli inverted row possono essere l’esercizio migliroe per il dorso? Alcuni lo credono

Trazioni e lever, il resto non esiste 😛

– Trazioni ad anelli o alla sbarra con presa supina possono essere il miglior esercizio per i bicipiti? E le dip o i piegamenti sulle braccia per i tricipiti e le spalle?

Migliore è un concetto che non mi appartiene, tutto può essere utile! Sicuramente agli anelli i bicipiti sono stimolati parecchio, idem i muscolo di spinta nei dip e nei piegamenti!

– I pistol squat sono davvero fenomenali per le gambe, a patto di eseguirli bene. Che ne pensi?

Mi fanno schifo ahahaha xD Preferisco di gran lunga esercizi atletici come salti in alto o in lungo

– Quale altro esercizio poco conosciuto ci consigli per la massa in generale?

Piegamenti in verticale!

– Che progetti hai per il futuro?

Scrivere un libro!

– Che consigli dai ai nostri lettori?

Un allenamento che ci piace e da soddisfazione è più efficace di uno che ci annoia: a chi non è pagato per fare sport consiglio questo

– Grazie per la bella chiacchierata Erik! Alla prossima!

Grazie a voi!

P.S.: Commenta, condividi l’articolo e iscriviti alla mia newsletter qui: http://oldschooltraining.net/report-gratuito/

By | 2016-12-18T21:38:02+00:00 novembre 20th, 2015|Allenamento OST, Interviste|3 Comments

3 Comments

  1. Giuseppe 27 marzo 2016 at 23:18 - Reply

    Nell’ultima parte è racchiuso il vero segreto a mio avviso, cioè fare un allenamento che ci piace, e quindi con gli esercizi che ci piacciono di più. Più ci piacciono gli esercizi che facciamo e più ci daranno risultati. Spesso nel mondo del bodybuilding, ma in generale dell’allenamento coi sovraccarichi, si perde troppo tempo a filosofeggiare su quale sia l’esercizio migliore per il petto, piuttosto che per le spalle, braccia ecc… io direi che invece l’esercizio migliore in senso assoluto non esiste. Ad esempio alla classica panca piana con bilanciere ho sempre preferito la variante con manubri. Mi piace di più. E il fatto che mi piaccia mi ha aiutato a progredire molto, tant’è che ora uso manubri da 45 kg, cioè i più pesanti presenti nella mia palestra, e faccio morire tutti di invidia. E questo perché ho fatto quello che piaceva a me, se avessi ascoltato gli altri, 9 su 10 mi dicevano meglio bilanciere. E adesso coi manubri alzo di più di quanto loro abbiano mai alzato col bilanciere.

  2. Erik 20 novembre 2015 at 15:40 - Reply

    Ciao! Si esatto è come hai detto, non seguo un alimentazione specifica e vado molto a sensazioni! Non ho mai creduto nell’eat Clean! Ovvio, evito McDonald’s e schifezze preconfezionate, ma nn mi faccio paranoie per gli sgarro!

  3. andrea 20 novembre 2015 at 12:31 - Reply

    Bella intervista e complimenti per il blog e ad Erik.
    Mi piacerebbe sapere se erik si fa le paranoie in fatto di alimentazione o semplicemente crea dei surplus o deficit senza curarsi della broscienza.
    Mi pare uno che si dopo un allenamento si magna un kg li lasagne al posto di riso in bianco detta proprio terra terra. Penso questo perché è un atleta molto preparato e credo che conosca bene il suo corpo anche dal punto di vista dell’alimentazione.