Integrazione Old School! Quando è nata l’integrazione?

“Allo York barbell era pratica comune quella di mescolare in parti uguali polvere proteica, burro d’arachidi e miele, tutto in una grossa ciotola. Poi di questo composto se ne facevano delle palline, della grandezza di una palla da golf, e le si mettevano in freezer. Durante il pomeriggio se ne mangiavano circa sei. Alcuni rotolavano queste palline nel germe di grano, ed in questo modo diventavano croccanti in superficie.
Le palline di burro d’arachidi aiutavano molto. Si aggiungevano al consumo proteico, e fornivano proteine in piccole dosi, permettendo di mantenere in equilibrio positivo di azoto, proprio come se si fossero consumate a distanza di qualche ora delle uova. La formula era identica a quella che Hoffman utilizzava per le barrette proteiche all’epoca.” -Bill Starr

Sebbene l’uomo abbia da sempre usato forme di integrazione fin dall’epoca dei romani (per lo più prodotti erboristici), la data della nascita dei primi rudimentali integratori proteici è datata circa nel 1930.

Alla fine del 1930 un giovane farmacista di nome Eugene Schiff sviluppò un metodo di lavorazione del siero di latte per il consumo umano, creando il prodotto “Schiff Bio-Foods”, con una società di imballaggio del siero di latte. Schiff si concentrò soprattutto sugli integratori a base di prodotti naturali. Egli iniziò a sperimentare con i cibi integrali come il lievito di birra, il germe di grano e il fegato. Scoprì che questi alimenti erano naturalmente ricchi di vitamine e minerali.

Schiff Bio-Foods

La società Schiff sostenne che egli fu il primo a scoprire che il frutto della rosa canina era una ottima fonte di vitamina C. Egli fu, infatti, uno dei primi produttori di multivitaminici, denominato “V-Complete“, e supplementi di vitamina C.

Fu, però, solo durante la seconda guerra mondiale che sorse l’uso dell’integrazione alimentare come sostitutiva o aggiuntiva al pasto. Le prime integrazioni avvenivano con polvere di latte e uova e, in seguito, con le proteine di soia in polvere.

Delle polveri proteiche ne parlava già il leggendario Steve Reeves che anni dopo scrisse su questa pratica nel suo libro “Building The Classic Physique”, dicendo di seguire la prima colazione a base di bevande con una polvere proteica.

La sua ricetta per un drink proteico durante la prima colazione era: succo d’arancia fresco, la gelatina “Knox”, miele, banana, uova e una miscela di latte scremato e polveri proteiche.

Knox Gelatin

L’ingrediente principale era la polvere di soia disidratata, insieme al fucus, germe di grano, destrosio, e varie piante disidratate, erbe e aromi. Il supplemento era venduto nei negozi di alimenti naturali, palestre di body-building e, addirittura, istituti sanitari!

Un altro prodotto popolare era Hi-Protein, un integratore alimentare di proteine derivate dalla farina di soia e proteine del latte e grano.

weider_hi_protein

Il prodotto è stato sviluppato dal bodybuilder e guru della nutrizione Irvin Johnson.

Bob Hoffman seguendo rapidamente il successo di Johnson uscì sul mercato col suo prodotto proteico a base di soia commercializzandolo come elisir di forza e salute.

Le polveri proteiche di Hoffman furono accusate di provocare orticaria e flautolenza. Ma, tutto sommato, egli fu il pioniere degli attuali integratori e, come tutti i pionieri, ha basato il suo successo sull’innovazione, e l’innovazione si sa, si basa su processi di crescita e maturazione, rispettando il ciclo: prova, sbaglia, migliora, eccelli.

Boib Hofmann Hi Protein

Molti Olds consigliavano il fegato essiccato per aumentare la produzione di sangue e di ossigeno.

Molti culturisti dell’epoca, infatti, usavano il fegato essiccato a tale scopo. I primi esperimenti furono condotti proprio dal dottor Benjamin Ershoff nel 1950.

Ershoff condusse il famoso studio sugli integratori di fegato in cui i ratti alimentati con il 10 per cento di fegato essiccato avevano nuotato molto più a lungo rispetto ai ratti di controllo (qui trovate lo studio del tempo http://jn.nutrition.org/content/47/2/289.full.pdf  ).

Ne vuoi sapere di più? Leggi questo: http://oldschooltraining.net/ascolta/the-secret-book-of-old-school-training/