Doping. Alzi la mano chi crede ancora alle favole…

Home/Doping, Generale/Doping. Alzi la mano chi crede ancora alle favole…

Doping e ipocrisia.


Il bodybuilding (e, oserei dire, il settore della bellezza e dello sport professionistico) è chimica.

Chiunque vi dica il contrario o ci mangia sopra o è stupido.

Che cosa sai del moderno bodybuilding?

Sai che in America il 55% dei maschi under 30 che praticano bodybuilding fa utilizzo di anabolizzanti (fonte “droghe e farmaci psicoattivi” della Zanichelli)?

Pensi che il bodybuilding sia solo sacrificio, “no pain no gain”, palco, pose e olio?

In realtà c’è molto altro dietro.

Neanche se tu vivessi 7 vite come i gatti e le passassi tutte ad allenarti, potresti raggiungere la forma e le proporzioni di un dopato.

Quando guardi questo mondo, vedi atleti dediti a sacrifici disumani che gli hanno permesso di diventare dei super man?

Io vedo testosterone (cipionato o enantato o propinato), trenbolone, winstrol, l’oxandrolone (anavar), masteron (drostanolone propionato), GH, AAS, follistatina, DNP (dinitrofenolo), clenbuterolo, insulina, efedrina, yohimbina.

Io vedo una spesa intorno ai 100 mila dollari annui per uno dei partecipanti a gare di bodybuilding maggiori e intorno alla metà per i men’s physique.

Ad oggi sono decine i bodybuilder morti o ammalati a causa del doping (senza calcolare altri sportivi), fonte t-nation:

  1. Mike Matarazzo: Frequent top 10 IFBB pro from 1992 to 2001. Four-time top 5 finisher at the Night of Champions. Died from a heart attack in 2014, age 47.
  2. Dan Puckett: 1st place 2006 NPC Collegiate National Heavyweight. Died from heart failure in 2007, age 22.
  3. Scott Klein: Four-time NPC Heavyweight competitor (1995 and 1997), two-time NPC super-heavyweight competitor (1998 and 2000). Died from kidney failure in 2003, age 30.
  4. Robert Benavente: Competed in multiple NPC shows from 1994 (teen division) to 2003 (1st place in Southern States). Died from a heart attack in 2004, age 30.
  5. Trevor Smith: Bodybuilding writer and coach. Never competed, but weighed over 400 pounds. Died from a heart attack in 2004, age 30.
  6. Andreas Munzer: 13 top-five placings from 1986-96. Considered a “pioneer” in the use of diuretics for a super-peeled look. Died from multiple organ failure in 1996, age 32.
  7. Mohammed Benaziza: Seven total Grand Prix wins in 1990 and 1992, 1st place at the 1990 Night of Champions (beating Dorian Yates), two top 5 Mr. Olympia showings (1989 and 1992). Died from heart failure hours after winning the Grand Prix Holland show in 1992, age 33.
  8. Daniele Seccarecci: IFBB competitor from 2007 to 2013. 2010 Guinness World Record Holder for “heaviest competitive bodybuilder” at 297 pounds. Died from a heart attack in 2013, age 33.
  9. Luke Wood: IFBB competitor from 2001 to 2008, often breaking into the top 10. Died from complications following a kidney transplant in 2011, age 35.
  10. Chris Janusz: Amateur competitor, nutrition coach, and contest prep consultant. Died from undisclosed causes in 2009, age 37.
  11. Art Atwood: Consistent top 10 finisher in IFBB shows from 2002 to 2004, including 1st at the 2002 Toronto Pro. Died from a heart attack in 2011, age 37.
  12. Mat Duvall: Four-time top 3 finisher in NPC Super-heavyweight division (1999, 2001, 2002, 1st in 2003). Died from a heart attack in 2013, age 40.
  13. Ed Van Amsterdam: European champion in the mid-1990s, frequent top 10 IFBB finisher in 2002 and 2003. Died from a heart attack in 2014, age 40.
  14. Fannie Barrios: Two-time Jan Tana winner (2001, 2002). Three top 8 placings at Ms. Olympia (3rd place in 2002). Died from a stroke in 2005, age 41.
  15. Charles Durr: Six top 5 NPC and IFBB finishes from 1988 to 1999. Competed in the 2004 IFBB North American Championships. Died from a heart attack in 2005, age 44.
  16. Anthony D’Arezzo: Three-time top 10 NPC Heavyweight (1993, 1994, 1995). 1st at NPC New England in 1997. Died from a heart attack the night before a contest in 2006, age 44.
  17. Greg Kovacs: Competed in several IFBB shows from 1997 to 2005. Known in the industry as one of the largest off-season bodybuilders, regularly weighing over 400 pounds. Died from heart failure in 2013, age 44.
  18. Ron Teufel: 1978 IFBB Mr. USA. Runner-up to Samir Bannout at 1979 World Amateurs. Top 10 IFBB competitor in 1981 and 1982. Died from liver failure in 2002, age 45.
  19. Hans Hopstaken: NPC Masters competitor in 1998 and 1999. IFBB competitor in 2000 and 2001, including two top 5 placings at the Masters Olympia. Died from heart failure in 2002, age 45.
  20. Frank Hillebrand: Light-heavyweight champion (1987, 1989), several top 10 IFBB finishes from 1990 to 1993. Died from a heart attack in 2011, age 45.
  21. Alex Azarian: NPC competitor from 2002 to 2009, including a total of five 1st place wins. Training, nutrition, and contest prep consultant. Died from undisclosed causes in 2015, age 45.
  22. Ray Mentzer: IFBB competitor from 1979 to 1982 including 1st place 1978 Mr. USA, and several top 3 placings. Died from kidney failure in 2001, age 47.
  23. Nasser El Sonbaty: Frequent top 8 IFBB competitor from 1990 to 1992, consistent top 4 finisher in shows from 1993 to 1998, including 2nd at the 1997 Mr. Olympia and 3rd at the 1995 and 1998 Olympias. Died from complications from heart and kidney failure in 2014, age 47.
  24. Don Ross: Amateur competitor from 1965 to 1972, pro bodybuilder from 1973 to 1980 with 10 top 5 placings. Died from a heart attack in 1995, age 49.
  25. Mike Mentzer: Consistent top 3 IFBB pro from 1975 to 1979, including 2nd in the 1976 and 1977 Mr. Universe, 1st place 1976 Mr. America, and 1st place 1979 heavyweight Mr. Olympia (lost the Overall to Frank Zane). First pro bodybuilder to be awarded a perfect score in a contest. Died from heart complications in 2001, age 49.
  26. Don Youngblood: NPC and IFBB Masters competitor from 1994 to 2002. 2nd place at the 2001 Masters Olympia and winning 1st in the 2002 Masters Olympia. Died from a heart attack in 2005, age 49.
  27. Stoil Stoilov: NPC and IFBB Masters competitor from 2005 to 2014. Died in 2014 one week after placing 2nd at a National show, age 49.
  28. Terri Harris: Frequent top 5 finisher in NPC and IFBB shows from 2002 to 2012, including several 1st place wins in 2011 and 2012. Died from a heart attack two days after a contest in 2013, age 50.
  29. Ed Kawak: 5-time Mr. Universe (1982-1985, 1993). IFBB competitor in 1996 and 1999. Died from a heart attack in 2006, age 51.
  30. Vince Comerford: Amateur competitor from 1984 to 1986. 1st place Middleweight at 1987 NPC Nationals (lost the Overall to Shawn Ray). IFBB competitor in 1989 and 1990. Died from a heart attack in 2014, age 52.
  31. Greg DeFerro: 1979 IFBB Mr. International, five top 4 placing in IFBB shows from 1981-1984, including 2nd to Lee Haney at the ’83 Night of Champions. Died from heart disease in 2007, age 53.

 

  1. Tom Prince: NPC competitor from 1995 to 1997, including 1st place at the 1997 Nationals. IFBB competitor from 1999 to 2002. Suffered kidney failure during contest prep in 2003, age 34. Retired in 2004, eventually received a kidney transplant in 2012.
  2. Don Long: NPC Light-heavyweight (1992) and Heavyweight (1993 to 1995). Frequent top 10 IFBB pro from 1996 to 1999. Suffered kidney failure in 1999, age 34. Received a kidney transplant in 2002, which failed in 2003. Competed in several IFBB shows from 2006-2009. Received another kidney transplant in 2011.
  3. Flex Wheeler: NPC competitor from 1989 to 1992. One of the best IFBB pros from 1993 to 2000 with a total of 17 first place wins. He made 2nd place at the Mr. Olympia three times (’93, ’98, ’99) and two-time top 4 at the Olympia (’96 and ’00). Suffered kidney failure and “officially” retired in 2000, age 35. Competed twice more, 7th place at the ’02 Mr. Olympia (supposedly drug-free) and 3rd at the ’03 Ironman. Received a kidney transplant in 2003.
  4. Orville Burke: NPC Heavyweight in 1996 and 1997 and Super-heavyweight in 1998. Frequent IFBB top 10 competitor from 1999 to 2002, including 1st at the 2001 Night of Champions and 1st at the ’01 Toronto Pro. Two-time top 10 at the Mr. Olympia. Fell into a six-week coma after complications during surgery in 2002, age 39.
  5. Mike Morris: NPC competitor from 1990 to 1997. IFBB pro from 2001 to 2005. Retired in 2005 after developing signs of kidney problems, age 35.

I principali problemi riscontrati dalla medicina tradizionale dall’uso e abuso di steroidi anabolizzanti (http://drugabuse.com/library/the-effects-of-steroid-use/https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3827559/https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2699014/,
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3939390/https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19533818) sono, solo per elencarne alcuni:

 

Acne.
Sbalzi d’umore.
Fatica.
Irrequietezza/agitazione.
Diminuzione dell’appetito.
Disturbi del sonno.
Diminuzione della conta degli spermatozoi.
Impotenza.
Restringimento dei testicoli.

Problemi cardiovascolari.
Eccessiva crescita dei capelli nelle donne.
Abbassamento della voce nelle donne.
Crescita del tessuto del seno negli uomini, cosiddetta ginecomastia.
Problemi di fertilità.
Problemi di cuore.
Pressione sanguigna elevata.
Sbalzi d’umore rapidi.
Manie psichiche.
Ictus.
Irregolarità mestruali per le donne.
Rabbia aggressività (la cosiddetta “rabbia da steroidi”).
Paranoia.
Illusioni.
Attacco di cuore.
Ictus.
Insufficienza renale.
Tumori nel fegato.
Malattie ematiche da uso di siringhe per iniezione.
Apatia.
Depressione.
Difficoltà di concentrazione.
Insonnia.
Diminuzione sensibile del desiderio sessuale dopo la sospensione obbligatoria.
Mal di testa.
Dolori articolari e muscolari.
Ansia.
Anoressia.
Ispessimento spropositato del clitoride femminile.
Eccesso di stanchezza.
Danni cerebrali e neurodegenerativi.

Benché oggi doparsi per andare in spiaggia sia comune, così come per farsi i selfie in bagno per poi postarli su facebook, sono entrambe idee da “coglioni” perché per un giorno di fantomatica “gloria” ci si può condannare ad anni di dolore.

Molti trainer auto – proclamatisi natural sono stati beccati con le mani nel sacco nei forum del settore a chiedere informazioni sui vari dosaggi.

Sì, perché questa è la verità: in un settore fondato solo sull’apparire più che sull’avere e portare reali contenuti (come dovrebbe essere e come è in ogni altro settore onesto e non ipocrita), il più grosso vince.

E quindi ecco che nasce una sorta di mito: il più grosso ha ragione a prescindere, anche se spara un mucchio di cavolate. Posta le sue foto, dice che tu non ti sai allenare perché lui è diventato grosso in modo facile e i polli in cerca dei guru abboccano facile.

Ma è davvero così?
Davvero i dopati sanno sempre allenarsi e allenare?
Chiediti: se non hai necessità di gareggiare e per migliorare ti sei dovuto dopare, dove è la tua bravura?

In un articolo tradotto dal mio amico Domenico Aversano circa l’efficacia degli Steroidi Anabolizzanti, egli cita alcuni studi che qui riporto (dopo avergliene chiesto l’autorizzazione) dal suo sito linkato prima.

Testuali parole:

“Gli Studi

Qui di fianco vediamo un’infografica di uno studio (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12067856) storico che ha dimostrato che l’uso di soli steroidi senza allenamento propone guadagni muscolari superiori all’allenamento senza farmaci, mentre l’uso di testosterone più allenamento promuove guadagni circa 3 volte superiori al solo allenamento natural.

Approfondendo, possiamo imbatterci in questo articolo (http://www.muscleforlife.com/side-effects-of-steroids/) dove troviamo questo passaggio:

“Alcune persone proveranno a dire che quello che in realtà vediamo qui è un aumento della ritenzione idrica nei muscoli che viene contata come massa magra, ma altre ricerche condotte dallo stesso gruppo (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12067856) dimostrano chiaramente che gli steroidi anabolizzanti incrementano la crescita delle fibre muscolari.

Un’altra cosa da tenere a mente è che questo studio ha guardato dall’uso di 600mg di testosterone a settimana, che è una dose moderata per gli standard odierni. Molte persone usano dosaggi di molte volte superiori con farmaci multipli e la ricerca (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/3999979) dimostra che più anabolizzanti prendi, maggiori sono i guadagni di massa.

La crescita muscolare e la forza non solo i soli benefici dell’uso di steroidi – ti aiutano anche a mantenerti più definito.

La ricerca (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16210377) mostra che il testosterone inibisce direttamente la creazione delle cellule del grasso (adipociti) e aiuta a spiegare perché alti livelli di testosterone sono associati a minori livelli di grasso corporeo (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12679426), e bassi livelli di testosterone sono associati ad alti livelli di percentuali di grasso.
E come ho menzionato, stiamo parlando solo del testosterone. Molti altri steroidi anche promuovono un fisico più definito e muscoloso e, quando combinati opportunamente, sono incredibilmente potenti a fare ciò.”

 

Non so se è chiaro il concetto: se ti dopi e non ti alleni hai più risultati di me che mi alleno bene e non mi dopo.
Se ti alleni male e ti dopi hai ancor più risultati.
E sai quanti dopati oggi vedo che si allenano male e sono inarrivabili? Un numero incalcolabile!
Continuando, oggi varie ricerche hanno mostrato come gli effetti del continuerebbero anche ad anni di distanza dal ritorno alle competizioni dopo le squalifiche comminate per le positività al .

Gli scienziati dell’Università di Oslo (http://www.physoc.org/press-release/2013/steroids-muscle) sostengono infatti di aver stabilito per la prima che i muscoli conserverebbero nel tempo i vantaggi offerti dagli steroidi anabolizzanti.  una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Physiology, in cui si suggeriva che gli atleti che fanno uso di steroidi anche solo per un breve periodo potrebbero ottenere un indubbio indebito vantaggio rispetto ai concorrenti puliti, addirittura per un periodo di 10 anni dal termine del “ciclo” di assunzione. Kristen Gunderson, Professore di Fisiologia presso l’Università di Oslo, ha sostenuto all’emittente BBC Sport: “Penso che sia probabile che gli effetti dopanti potrebbero essere permanenti o durare almeno periodi nell’ordine dei decenni negli esseri umani”.
Questa la ragione fisiologica: “Se si fa esercizio e si prendono gli steroidi anabolizzanti, si ottengono più nuclei cellulari aumentando la dimensione dei muscoli. Se si smette di assumere gli steroidi, si perde sì la massa muscolare, ma i nuclei cellulari rimangono all’interno delle fibre muscolari” (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4160183/,
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/6524396).

Guarda anche questi studi qui: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26792335 e https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16059740 (dove si è stabilito come, una volta smessa l’assunzione di farmaci dopanti, i loro vantaggi risulterebbero ancora dopo svariati anni dal termine dell’assunzione!

Il punto è che sei Tizio ha usato una volta e poi stop, il fatto di aver smesso non gli dà l’ardire di dichiararsi natural o drug-free perché avrà sempre una marcia in più!

Il problema è che oggi tutti possono diventare grossi col doping e dall’essere grossi ad essere autoritari in un mondo di analfabeti funzionali passa davvero poco.

È facile dire che si può diventare grossi e definiti non arrivando neanche ad essere un h/p (altezza/peso), col doping viaggi su mondi paralleli.

Forse è per questo che alcuni si dopano poco per sembrare natural e per raggiungere, nel contempo, l’autorità di cui hanno bisogno per pontificare e  guadagnare.

Guarda, quando ti dico che la OST riesce a fornire un giusto stimolo allenante a drug-free è perché oggi di drug-free ne sono (siamo) rimasti davvero in pochi.

Infatti spesso seguono i principi della Old School proprio chi prima seguiva le false sirene degli sciocchi spavaldi dopati (hai notato anche tu quanti ricercatori dopati ci sono nel campo della ipertrofia? Che le loro ricerche siano fatte anche su soggetti dopati? In America è più difficile trovare solo soggetti drug-free e le ricerche per la maggiore sono fatte lì…), e queste pecorelle tornate all’ovile sono le più astiose contro gli ipocriti che gli hanno fatto perdere tempo e soldi, e guarda caso dopo un po’ di allenamento in stile OST, da drug-free, ritrovano i muscoli persi con gli interessi.

Io non è che un giorno mi sono svegliato e ho detto “oggi parliamo di old school training”. No, le ho provate tutte, monofrequenza, monoarticolari, speciqalizzazioni varie, Poliquin, Ian King, Darden, Waterbury, Tatsouline, Thibaudeau, Mentzer, Jones, e chi più ne conosca, più ne metta.

Sono giunto alla conclusione che la OST sia il miglior contributo alla ottima forma fisica partendo da una base di un canottiere pesi leggeri, con polso di 17 cm, fino ad arrivare ad una buona base ammirata dal vivo, nella realtà, e criticata sul finto web da finti drug free con foto più false del loro profilo.

Che cosa penseresti di un orologiaio che non sa riconoscere un Rolex falso da uno originale?
E allora perché ti fidi di un trainer che non sa riconoscere un dopato da uno non dopato?

Vedi, qui è la realtà che condanna questo ambiente.

Ambiente formato da pagliacci buffoni persi tra photoshop e cicli chimici per apparire grossi e definiti per prendersi quell’autorità che la cultura e i contenuti non possono dargli.
Ma la verità è che alle persone piace sentirsi dire che possono raggiungere ciò che vogliono, basta l’impegno, la dedizione e le giuste tecniche… Cavolate!

NOTA DI SERVIZIO: LA OST È CONTRO IL DOPING!
Allora perché parlarne?
Perché nascondere la testa sotto la sabbia ha portato allo sfacelo di questo ambiente e solo gridando al mondo l’ipocrisia del settore del fitness, si può tentare di aprire gli occhi a i creduloni.

E qui che entra in gioco l’onestà e la lealtà. L’ambiente della bellezza è economia e ipocrisia. Ma quando ho iniziato non lo sapevo ancora. All’epoca non ne sapevo niente. Parlavo con culturisti come Max Maffucci e con ottimi trainer come Francesco Currò, ma ero agli albori. Provenivo dallo sport agonistico di 13 allenamenti a settimana come canottiere. Poi ho iniziato a studiare e a capire molte cose celate alla massa…

Doping

Doping

Di Mario Pietosi ne hai già sentito parlare, vero?

Qui di seguito trascrivo una chiacchierata avuta con lui sull’uso del doping tra gli agonisti.

N.B.: Non è una lista della spesa, perché a nulla servirebbe e non ti farebbe diventare un cuoco. Non ci sono ingredienti e quantità e si rammenta della pericolosità, dell’anti sportività e della illegalità di tale pratica.

Ora allacciati le cinture, chiudi le porte ed entra nel mondo segreto, quello vietato…

Semaforo verde, si parte.

 

“Preparazioni dei grandi:

Da quello che leggo e vedo nel mare del web, ho notato che c’è una grande confusione per quanto riguarda le preparazioni chimiche ad alti livelli.

Per alti livelli, intendo i livelli dei pro americani, dato che sono loro quelli ai vertici mondiali di questa disciplina.

Vediamo di fare una chiacchierata in proposito. Userò un idioma per nulla tecnico, dato che non sono uno scienziato né uno studioso né un guru o un preparatore. Sono solo un appassionato con un po’ di esperienza che vuole fare una chiacchierata informale sull’argomento.

Chiacchieriamo sulle preparazioni dei grandi.

Ne prenderò ad esempio due tipi: quella per i man phisique e una preparazione di tipo molto più pesante da partecipante al circuito di mister O.

Questa ovviamente non vuole essere una istigazione all’uso del doping come comunemente penserebbe l’italiota medio, ma bensì un granello di conoscenza buttato nel deserto del Sahara dell’ignoranza più totale.

Detto questo citerò solo l’abbinamento delle molecole che di solito si usano in bulk o in cut ma senza nominare dosaggi… anche se sarei tentato, a dire il vero. Giusto per veder svenire qualcuno.

Partiamo coi man phisique.

Simeon Panda, o Cobra, o Lazar Angelov per intenderci et simili.

C’è comunque da fare un piccolo distinguo: gli appartenenti a questa caratteristica categoria, non fanno mesi invernali di bulk. Non nel senso che comunemente darebbe un bber vero al termine.

Questo perché per un man phisique non è necessario avere grosse masse muscolari e perciò si limitano a fare una specie di mantenimento per tutto l’anno e intensificano la preparazione giusto un paio di mesi prima della gara.

Questo fa si che siano più o meno in forma durante tutto l’anno e gli permette di sfruttare appieno la loro immagine per gli sponsor.

Dunque, entriamo nel mondo dei balocchi:

Le molecole che si utilizzano in questo contesto sono molte e molto potenti.

Il testosterone (che sia cipionato o enantato o propinato) la fa da padrona, dato che è considerato indispensabile in ogni tipo di ciclo, sia per cut che per bulk.

Al secondo posto il trenbolone di solito hexabenzylcarbonato (Il vecchio e caro parabolan, per intenderci) dato che si è dimostrato molto più gestibile a livello di sides come aggressività ed emotività, rispetto all’acetato e conservando una vita attiva piuttosto lunga, paragonabile alla stessa molecola con estere enantato.

Il tren oltre ad avere una marcata azione di costruttore di massa muscolare, o di incrementare molto la forza,  ha anche il pregio di favorire lo smaltimento di adipe dal sottocute, dato che va a colpire direttamente gli adipociti favorendone la mobilizzazione dei grassi che vi sono stipati. Ma non solo. In pratica ha anche azione termogenica vera e propria (soprattutto di notte, mentre si dorme. Questo fa pensare ad una sua interazione col gh, il cui rilascio avviene proprio durante le fasi di sonno profondo) e perciò fa in modo che solo usando la molecola sopracitata, si abbia la cosiddetta recomp, senza bisogno di attenersi a una dieta ferrea.

Immaginate ora che effetto ha con dieta ferrea, allenamento ben strutturato e adeguato riposo.

Al terzo posto c’è senz’altro il winstrol (stanazolo). Anche questa è un ottima molecola sia per la costruzione di massa muscolare pulita che per la sua azione di favorire lo smaltimento di liquidi sottocute.

Il win, inoltre ha anche altre caratteristiche molto simpatiche, una delle quali è quella di slegare le sgbh dal testo, rendendolo libero e più biodisponibile, e questo è necessario, visto le dosi massicce di testo esogeno che di solito si usano.

Le sgbh, per farla breve, sono delle proteine che catturano la molecola di testosterone in circolo e la rendono inutilizzabile da parte dell’organismo. In pratica, anche se se ne usano molti grammi a settimana è come se in realtà se ne iniettassero molto meno, con ripercussioni negative sulla costruzione di massa muscolare.

C’è poi una molecola che ha il rispetto e la stima di ogni bber di un certo livello: l’oxandrolone (anavar).

In pratica ormai non esiste più in commercio, neanche da parte delle varie ug. È ormai introvabile. L’oxa è una di quelle molecole che ha tutto racchiuso in sé: ottima costruzione di tessuti muscolati (ma anche di tutti gli altri, perfino pelle, e per questo veniva somministrato agli ustionati gravi) ma anche ottimo potere di cut, dato che insieme al masteron o al proviron diventa fatkiller.

Purtroppo però, è del tutto introvabile legit. I prodotti che si trovano in commercio ormai nel migliore dei casi è win spacciato per oxa.

Per questo non lo metto in classifica.

Al quarto posto il masteron (drostanolone propionato). Questa molecola non ha un gran potere di costruttore di masse muscolari. Ma viene usato in questo contesto proprio per la sua spiccata azione di favorire l’eliminazione di liquidi e di grasso sottocutaneo. Azione questa che sembra essere comune a tutti i dht derivati (anche dal win, a dire il vero ma in misura molto minore).

Un’altra peculiarità di questa molecola nello specifico (che ha in comune col proviron) è quella di inibire la conversione in estradiolo e in estrogeni di molecole che potrebbero convertire.

In genere anche se le molecole sopracitate non convertono, ci potrebbe essere conversione del testosterone in estradiolo per mezzo dell’enzima aromatasi.

Il masteron non fa altro che bloccare il lavoro di questo enzima ed evita la conversione in estro da patrte non solo del testo, ma anche da parte delle gonadotropine, che vengono inserite in ciclo per evitare l’atrofia dei testicoli data dalla somministrazione esogena di tutte queste molecole, che hanno comunque una carica androgena residua, che anche se non molto alta, data le alte dosi di molecole e di testo si avrebbe comunque.

Queste sono le molecole AAS che di solito si usano in questo contesto. Ma altri aggiungono anche il Boldenone, che ha ottima azione di costruzione di masse muscolari e in più il pregio di aiutare a salvaguardare articolazioni e cartilagini. Azione questa che ha anche il vecchio deca ma che di solito viene scartato perché dà troppa ritenzione idrica.

Ora parliamo delle molecole che fanno la differenza. Sì perché fino a qui, nulla di strano o di eclatante. Quelle sopracitate sono molecole in uso da sempre, in tutti gli sport.

Comincio col gh.

Il gh è come il turbo per le molecole di aas.

In pratica, finchè si utilizzano solo aas, si possono avere si degli ottimi risultati… ma inserendo il gh, si ha un notevolissimo salto di qualità muscolare e di densità.

Il gh ha un gran potere di mobilizzare i grassi come fonte energetica per l’organismo, e da qui, ecco spiegata la pelle sottile ed elastica al punto da sembrare di gomma degli atleti di elite.

Inoltre ha azione rigenerante su tutti i tessuti del corpo umano: ossa, muscolo, cartilagini e tendini. E ovviamente è un’azione molto ricercata dagli atleti di ogni disciplina, non solo nel bb.

Altre molecole usate sono i peptidi.

Piuttosto di recente acquisizione a dire il vero, ma come sappiamo tutti, i bber non si dispiacciono a fare da cavie per i nuovi prodotti.

Ne esistono per diverse necessita.

L’MGF (mecano growth factor: fattore crescita per la costruzione).

GH releaser (stimolatori della produzione di gh).

E tanti altri che sarebbe davvero lungo da elencare

Ne citerò una solo per la sua fama: la follistatina.

Questo peptide ha dimostrato di poter addirittura raddoppiare le dimensioni dei ratti in laboratorio. Sia a livello osseo che a livello muscolare. Un atleta di elite che volesse utilizzarlo sperimenterebbe l’incremento di almeno 10-15 kili di massa muscolare ogni ciclo, che di solito dura 10-15 giorni.

Si, pare una presa per i fondelli, ma vi assicuro che non lo è. Ovviamente ai man phisique questa molecola interessa poco, dato che non vogliono avere grosse masse muscolari, ma la usano a dosi molto piccole per la densità muscolare che promuove.

Passo all’ultima molecola in ordine di citazione ma non certo per importanza: l’insulina.

Certo ha destato molta curiosità agli inizi del periodo in cui si è cominciata ad usare. Ci si chiedeva in che modo potesse essere e fino a che punto, utile ad un bber.

Bè, presto detto: l’insulina è la pala che spinge i nutrienti nelle cellule.

Perciò, se la si usa con criterio (è sufficiente anche usarne dosi ridicole) è l’agente più potentemente anabolico che possa esistere.

In pratica non c’è limite a quanto si possa crescere col suo uso.

Ovviamente promuove anche il deposito di grassi nel sottocute, se non ci si sta attenti e se non si usa il gh insieme, si diventa dei palloni di grasso e acqua. Fortissimi, è vero, ma davvero lontani dalla condizione che di solito hanno i man phisique.

Quindi il suo uso è relegato solo a una o massimo 2 volte a settimana, giusto per ricaricare il glicogeno muscolare ed epatico, depauperato dalle diete strette o dall’uso di DNP.

E qui, si apre il discorso sui brucia grassi.

Il preferito, perché è il più potente in assoluto è proprio il DNP (dinitrofenolo)

Una molecola alquanto singolare… che in passato è stata usata per gli usi più strani e che nulla c’entrano col contesto di cui si parla qui.

In pratica, in origine veniva usato come detonatore per il TNT. Si, l’esplosivo.

Poi, è stato scoperto che sterminava gli afidi e gli insetti parassiti, perciò in america, veniva impiegato anche come disinfestante per i giardini.

Poi, un bel giorno, in fabbrica dove si lavorava questa molecola si sono verificati casi di persone che avevano violente crisi di febbre, seguita da dimagrimenti molto accentuati fino al punto da sembrare incredibili. In primo momento, visto il deperimento così veloce da parte degli operai, si pensò che questa molecola fosse promotrice di formazione di cellule cancerogene.

Perciò furono eseguiti studi più approfonditi e venne fuori che il cancro non c’entrava nulla.

In pratica questa molecola (per dirlo terra terra) utilizza l’energia dei carboidrati, per bruciare grassi. Senza bisogno di seguire dieta, anche mangiando cibi spazzatura e 10000 calorie al giorno, assicura uno smaltimento straordinario di quantità molto ingenti di grasso. Però, c’è anche il rovescio della medaglia: non c’è limite all’ incremento della temperatura corporea, che può davvero essere pericolosa, se si sbaglia dose.

Una delle morti eccellenti del bb (quella di Zyzz) è imputata proprio a questa molecola. Certo che anche lui ci ha messo del suo: in pratica è andato a fare la sauna dopo aver assunto DNP.

Ecco che qui si può capire quanto sia pericoloso l’uso di certe sostanze se non se ne conoscono molto bene i loro effetti derivati dall’uso e le dinamiche a cui possono dare luogo se si utilizzano con molecole che possano interagire tra di loro.

In pratica non ci sono limiti a quanto può aumentare la temperatura corporea.  Fino al punto da cuocere gli organi interni.

Altra molecola usata come brucia grassi è il clenbuterolo.

Il clen ha azione molto diversa rispetto al DNP (e anche molto meno efficace), ma viene usato lo stesso a dosi massicce.

In pratica è uno stimolatore dei recettori beta2adrenergici che si trovano nei muscoli.

Questa stimolazione provoca una contrazione involontaria di tutti i muscoli (ovviamente del tutto inavvertibile) che provoca un lieve innalzamento della temperatura corporea anche per 24 ore al giorno.

Il problema del clen è che i recettori beta2adrenergici sono molto delicati e tendono a saturarsi molto in fretta.

Ovviamente esiste un modo (anzi, più di uno) per evitare il problema ma non è questa l’occasione per parlarne.

Altra molecola usata come brucia grassi è la yohimbina (insieme all’efedrina, anche se molto meno efficace) che ha dimostrato di avere spiccate capacità di eliminare anche deposi ti di grasso stagionati (il cosiddetto grasso bruno).

Penso di aver esaurito quello che c’era da dire su questa categoria.

Passiamo ora ai dinosauri del bb: i partecipanti al circuito dell’olympia.

Questi bestioni hanno due fasi nette e distinte nella loro preparazione, in cui si utilizzano molecole molto diverse.

In pratica, il periodo di costruzione muscolare (bulk), che può durare anche molti mesi, lontano dal periodo delle gare.

E il periodo di cut, che viene effettuato qualche mese prima del periodo in cui si disputano gare.

Il periodo di bulk è di sicuro il periodo che dà maggior soddisfazione, all’atleta, dato che a tutti piace mangiare e crescere. E chi dice il contrario è un bugiardo.

In questo periodo si utilizzano molecole come:

Testosterone (cipionato, enantato, di solito), Nandrolone, boldone, dianabol, oxymetolone, e anche winstrol.

Queste molecole hanno una ottima azione di costruzione muscolare ma anche di incremento della forza, cosa piuttosto ricercata dal bber in fase di massa. Maggior forza significa usare più peso e più peso uguale più crescita muscolare. E’ un circolo virtuoso, in pratica.

Alcuni usano anche il trenbolone, ma di solito lo lasciano per il periodo di cut, come spiegato sopra.

Sono davvero in pochi, dato che il tren è difficile da gestire sul lungo periodo.

Ovviamente il gh non manca neanche in questa fase, dato che come detto prima è il turbo per tutte le molecole di aas.

Insulina ovviamente e anche a dosi  generose.

Naturalmente  non mancano gonadotropine e clomid, per evitare l’atrofia testicolare.

Antiestrogeni, dato che il deca il dbol il testo e le gonadotropine convertono molto velocemente in estrogeni.

Ma questi sono il corollario di chiunque utilizzi anche per le preparazioni da spiaggia.

Ovviamente le dosi in questa categoria sono molto più massicce della categoria citata prima. Non citerò nessuna dose perché non voglio che nessuno provi a emulare, dato che ripeto: questo scritto non è un incitamento al doping o a provarci.

Per il periodo di cut poi, ovviamente usano le stesse molecole dei men’s physique, solo a dosi molto più massicce.

E gh, brucia grassi e tutto quello citato su.

Quindi, l’unica differenza nell’appartenere all’una o all’altra categoria, la fanno le dosi. Non la genetica o l’allenamento… ma le dosi.

I man phisique ovviamente hanno una struttura ossea molto più leggera e slanciata, rispetto ai dinosauri dell’olimpya, ma è per la loro giovane età, non certo per la “genetica”. Provate a guardarli tra 5-6 anni e vedrete.

Pensate a Flexatron di 4-5 anni fa e paragonatelo col mostro di oggi. Vedrete una gran differenza anche a livello osseo.

Che dire più…

Magari due parole per chi si prepara al di fuori del contesto delle gare, giusto per stare in forma al mare o in estate.

Ebbene, usano le stesse molecole solo a dosi molto minori. In pratica i benefici si ottengono anche a livelli molto inferiori a quelli dei pro.

Durezza muscolare, pelle sottile addome ben delineato, sono facilmente raggiungibili con l’uso di qualche semplicissima compressa.

Però, ovviamente i rischi che si corrono sono sempre gli stessi: ginecomastia, atrofia dell’apparato genitale, impotenza, affaticamento epatico, peggioramento del profilo lipidico, sono gli stessi problemi a cui vanno incontro gli users di tutte le categorie.

Ovviamente, il rischio aumenta con l’aumentare delle dosi.

Allora, direte, come’è che i pro sono ancora vivi?

Bè, forse dopotutto…

Ma questa è un’altra storia.

Ripeto: questo mio scritto non è un istigazione ad usare prodotti dopanti e non vuole essere neanche uno scritto che minimizza gli effetti negativi di tale pratica.

È solo per fare chiarezza in un mondo dove regna il buio e l’ignoranza più totale. E’ solo per cercare di far capire a chi è digiuno in materia, le cazzate che dicono i vari pro o i pischelli che si professano natural quando invece di natural hanno solo il tonno nel frigo.

Spero di aver fatto aprire qualche mente.

Ah! Ho dimenticato il fatto più importante. Bè, ti faccio l’esempio di un giocatore di baseball professionista degli anni 90. È lui stesso che lo ammise in un intervista dell’epoca. Lui dice che spendeva 70-80 mila dollari all’anno solo per il doping. E non parliamo di un bbers. Per un bbers le cifre sono molto maggiori, dato che ci sono GH è peptidi. Orientativamente credo che siamo intorno ai 100 mila dollari annui per uno dei grossi e intorno alla metà per i men’s physique. Il discorso che ho fatto per ultimo per i tipi da spiaggia 🙂 in pratica con un migliaio di euro si fa 6 mesi in forma.

I natural di solito sono un cavillo per dire che sono natural dato che il testo è come quello endogeno. Spesso ci associano anche il GH, dato che non si può rilevare con nessun controllo.

Buona serata.”

P.S.: È il tempo di abbandonare le favole di babbo natale e crescere e capire che se i regali non te li compri tu con i tuoi soldi, babbo natale non te li porterà più.

 

 

By | 2017-02-24T21:02:32+00:00 febbraio 20th, 2017|Doping, Generale|1 Comment

One Comment

  1. graziano ansaldi 21 febbraio 2017 at 20:26 - Reply

    Dopo 40 anni di allenamenti e di esperienza, non posso che concordare pienamente. Non ho mai assunto steroidi e i miei risultati sono sempre stati molto limitati, oltre al fatto che sono un hard gainer. Quel poco che ho ottenuto è stato con grande fatica, ma tutto sommato sono contento di me stesso.