Un po’ di mesi or sono ho avuto l’onore e il piacere di intervistare uno dei miei mentori riguardo l’old school training: Brooks Kubik, autore di Dinosaur Training e altri innumerevoli testi di forza.

Kubik Brooks

L’intervista è apparsa prima su Olympian’s news e ora è qui sul nostro OST blog.

kubik1

Godetevela. Come sempre, all’inizio avete la parte in inglese e alla fine quella da me tradotta (la seconda parte è qui: http://oldschooltraining.net/brooks-kubiks-interview-part-2-intervista-a-brooks-kubik-parte-2/ e la terza parte la trovi qui: http://oldschooltraining.net/brooks-kubiks-interview-third-part-intervista-a-brooks-kubik-terza-parte/).

lawyer-brooks-d-kubik-photo-355740

An Interview with Dinosaur Training’s Brooks Kubik, Part 1

by Brooks D. Kubik and Oreste Maria Petrillo

Several months ago, Oreste Maria Petrillo contacted me about doing an interview for his Old School Training site at www.oldschooltraining.net.  Here is the interview. The questions are from Oreste, and the answers are from me.

We have lots to cover, so we’ll make it a three part interview. Let’s get started!

Hi Brooks, I’m glad to have you on the blog of the Italian community of Old School Training. In your opinion, why is Old School Training better than modern bodybuilding methods?

Let’s begin by defining old school training. Many people define old school training as the way professional bodybuilders trained in the 1970’s or 1980’s.  To me, that’s modern bodybuilding.

My definition of old-school training is anything from the 1890’s through the 1950’s.  I use 1960 as a cut-off point because drug use in sport – including weightlifting, powerlifting and bodybuilding – began to take off in the 1960’s.  My vision of old school training is drug-free training, so I focus on the era before drugs became so prevalent.  Of course, some degree of drug use may have occurred in the 1950’s – the Russians are reported to have used testosterone or crude forms of anabolic steroids back then – but drug use increased enormously after 1960.

I consider the most productive training methods to be those used by drug-free trainees in the 1930’s, 1940’s and 1950’s.  These methods built a perfect balance of strength, muscle and lifelong good health.  They were methods that could be used by real people, living in the real world – not by professional bodybuilders who do nothing but train all day.

And because the old school methods from the 1930’s, 1940’s and 1950’s did not lead to overtraining, those who follow them do not need to use anabolic steroids or other dangerous drugs to recover from their workouts.  They can follow natural training methods and do very well, both in terms of strength and power and in terms of muscular development.

In contrast, modern bodybuilding programs are drug-based program.  They work if you use drugs.  If not, they almost always lead to overtraining.  That makes them unsustainable for drug-free trainees.

Who is the most representative athlete of the old school era and why?

Without a doubt, it was John Grimek.  Modern trainees have no idea of the world-wide acclaim that Grimek enjoyed.  He was the top man in the world for a  quarter of a century, and his impact on the Iron Game was enormous.  He probably did more to popularize weight training than any man who ever lived. 

John Grimek was “the total package.” That’s a cliché phrase now, but in his case, it applies.  Many people don’t know this, but Grimek was the United States Weightlifting champion in the Heavyweight class in 1936.  He set several United States records in the military press.  He twice won the North American Weightlifting Championship.  On two or three occasions he set a World record in the military press, but because of technicalities, he never received official credit for the lift. He represented the United States at the Olympic Games in 1936, and again at the World Championships in 1938. 

When they started to hold bodybuilding contests, Grimek entered and won the Mr. America contest two years in a row. He was so far ahead of the other bodybuilders of the era that the officials passed a rule (the so-called “Grimek Rule”) banning winners of the contest from re-entering it.

In 1948, at close to 40 years of age, Grimek won the Mr. Universe contest in London, beating the great Steve Reeves in an epic showdown.

The following year, he won the Mr. USA contest, defeating a field of former Mr. America winners and other top bodybuilders, including Steve Reeves and Clarence “Clancy” Ross.

He retired from bodybuilding competition with an undefeated record.  No one else has won all the major contests of his era and remained undefeated against all comers.

Grimek wrote for Bob Hoffman’s Strength and Health magazine for something like 40 years, and wrote for and edited the magazine’s sister publication, Muscular Development, for around 20 years.  Through his articles and his question and answer columns, he taught old school training methods – the methods that he himself used with such great success – to hundreds of thousands (perhaps millions) of trainees the world over.

As you can tell, I’m a huge Grimek fan.  I wrote a course about him.  You can find it in hard copy at my website or in e-book format in the Amazon Kindle bookstore, where it became a best-seller in its category after just 24 hours (which tells you something about John Grimek’s enduring legend):

http://www.brookskubik.com/johngrimek_course.html

http://www.amazon.com/dp/B00ULMYL20

Do you know any Italian athletes of the old-school period?

I can think of three Italian-American athletes, if that helps.

The first is Tony Terlazzo, who was born in Italy and moved to the United States when he was a small boy – at age 5, I believe.  He became the first Olympic gold medal winner from the United States in modern weightlifting. Tony went on to become a multi-time World champion.  From 1936 through the mid-1940s, he may have been the very best weightlifter in the world on a pound for pound basis. He also was very well-developed, and placed high in a number of bodybuilding contests.

                                                                                                                                              T T Tony terlazzo

Tony was super strong, and could military press more than 160% of his own bodyweight.  And remember, this was a strict military press with no knee kick, no leg drive and no back-bend – and he did it without anabolic steroids or drugs of any sort.

And please note – he was NOT a natural strongman.  He could only press 80 pounds when he began weightlifting.  Later, he pressed 260 or 265 pounds. That shows what old school training will do for you. 

One of the remarkable things about Tony Terlazzo was how he used the power of his mind to win weightlifting championships.  He had no mental boundaries, and never viewed any weight as unliftable.  Iron Game author Harry Paschall told a story about sitting on a park bench with Tony before a National championship.  Tony talked for hours about the weights he was going to lift in the contest, and about his goals for future contests.  He spoke with passion and conviction, and was fully convinced of his ability to lift the heaviest weights.  Paschall viewed it as a form of self-hypnosis.

The second is Bruno Sammartino, who was born in the Abbruzo region of Italy. 

b.s.

His family had to hide in the mountains during World War Two, and poor Bruno almost starved to death.  After the War, the family moved to the United States.  Poor Bruno was a classic 97-pound weakling, and the other kids were always picking on him. He started lifting weights, and made incredible gains. He went up to 265 pounds of very solid muscle, and set a world record in the bench press by lifting 565 pounds. Later, he got into professional wrestling, and became the heavyweight champion of the world.  He held the title for many years, and was one of the most popular wrestlers of the 1960’s and 1970’s.

Bruno wrote a short bodybuilding course that was aimed at teenage boys who were just getting started in their training.  I saw an ad for it in the back of a wrestling magazine and sent away for it when I was 11 or 12 years old.  It was my first bodybuilding course!

The third – and this will surprise many readers – was the famous tenor, Mario Lanza. 

m.l.

Mario was a first-generation Italian-American.  His mother was from Tocco da Canauria in the Abbruzzo region, and his father was from Filignanc in the Molise region.  Mario was born in Philadelphia.

Back in the day, Philadelphia was a hotbed of weightlifting and bodybuilding.  There was a wonderful little gym called The South Phillie Weightlifting Club.  It was on the second floor above a machine shop.  It was very primitive – no running water, and no air conditioning or heat.  The equipment was very basic – barbells, dumbbells, and homemade wooden squat stands and benches. Nothing else other than wooden lifting platforms.

They had an old wood-burning stove by the door, and in the wintertime they put one barbell close to the stove to keep it from getting too cold.  When you came to the gym, you got to use that bar for your warm-ups.  After your warm-ups, you had to leave it by the stove for the next guy and use one of the colder bars further away from the stove.

That may sound like an impossible place to get a good workout.  But listen to this – in 1948, they had seven weight classes for weightlifting in the Olympic Games.  Two of the seven gold medal winners – John Davis and Frank Spellman – trained at that little gym.  It goes to show what you can do if you don’t let things stand in your way and you don’t feel sorry for yourself.

Anyhow, Mario Lanza was a great bodybuilding and lifting fan when he was a young man. After he became a famous single and movie star, he was featured in Strength and Health magazine.  He had a personal trainer (which was very rare back then) named Terry Robinson.  They built a gym at Mario’s house in Hollywood.

Let’s move on to another topic. I know you wrote for Stuart McRobert’s Hardgainer magazine for several years. But are you sure you’re a hardgainer? You’re bigger and stronger than other hardgainers!

First of all, when it comes to training advice and knowing how to train, it doesn’t matter if someone is a hard gainer or an easy gainer. What matters is where they stand on drug use – and whether they use drugs in their own training.

If you’re looking for good training advice, listen to people who support, promote and follow drug-free training. Forget about the hardgainer label and focus on the drug issue.  Look for someone who knows how to build serious strength and muscle without drugs.

The problem with the hardgainer label is that you can only judge it in retrospect. Too many trainees argue about whether they or others are hardgainers. The important thing is to train – and to train the right way. If you train the right way, good things will happen.

John Grimek started training at age 18. He weighed 120 pounds. Nothing whatsoever suggested that he would one day be hailed as the best developed man in the world. But he believed in himself, and he trained very intelligently and very hard – and the rest, as they say, is history.

I already mentioned Tony Terlazzo. He wasn’t strong at all when he began training. No one would have dreamed that he was going to build world-class strength and lifting ability. But he went on to become an Olympic and World champion and record holder.

Or look at Bruno Sammartino.  He started training as a 97-pound weakling.  He built himself into a 265 pound strongman and wrestling champion.

Do you know Bruno’s secret of success?

He talks about it in that old course I mentioned.

He says that other, much bigger and much stronger kids started training with him when he first got started. But they all quit. One by one they gave up, lost interest or decided that working out was too hard. But Bruno kept at it. He never missed a workout for several years – and he always kept trying to add more and more weight to the bar. And look what happened.

In my own case, I trained for many years before I learned the secret of truly effective strength training.  After almost 20 years of training, I weighed 180 pounds, and no matter what I did or what I ate, I couldn’t gain any more weight. Nor could I increase my lifts.

I bench pressed 320 pounds when I was 19. At age 27, I was benching 355 pounds. That’s an average gain of 5 pounds per year. Does that sound like a hardgainer – or an easy gainer?

Later, I learned how to train much more effectively than ever before. When I did, my weight shot up to 200 pounds – and then on up to 210 pounds – and then to 225 pounds. And I increased my strength enormously. I went on to win many powerlifting and bench press contests – all of them drug-free – and that included five United States National Championships in the bench press (in the sub-master’s age group, 198 and 220 pound weight classes).  

So if you looked at me when I was gaining an average of five pounds per year on the bench press, you would have called me a hardgainer.

Later, after I learned to train the right way, you would have called me an easy gainer.

Which was I?

I was both. It was the training that made the difference.

The labels mean nothing. And in many cases, they become a distraction. As I said before, the important thing is to train – and to do it the right way. When you learn how to train correctly, good things happen. 

                                                                                                                                                                                   *      *     *     *     *     *     *

Intervista a Brooks Kubik, parte I

di Brooks Kubik e Oreste Maria Petrillo

Kubik: Diversi mesi fa, Oreste Maria Petrillo mi contattò per avere una mia intervista sul suo blog sull’old school training. La seguente è l’intervista che ne è uscita. Le domande sono di Oreste e le risposte sono le mie. Abbiamo tratato davvero tanti elementi e, quindi, abbiamo pensato di dividerla in tre parti. Iniziamo!

Ciao Brooks. Sono davvero onorato di averti sul mio blog della comunità italiana sull’old school training (OST). Secondo te, perché l’old school training (OST) è migliore rispetto alle nuove metodologie del bodybuilding?

Iniziamo a definire cosa è la old school training. Molte persone si riferiscono all’OST come i metodi di allenamento risalenti agli anni ’70-’80. Per me, questi sono gli anni del bodybuilding moderno.

La mia definizione di bodybuilding moderno è qualsiasi allenamento tra il 1890 e il 1950. Io uso il periodo 1960 come sparti acque perché l’uso del doping nello sport, incluso il weightlifting, il powerlifting e il bodybuilding, iniziò a prendere piede proprio nel 1960.

La mia visione di old school training è allenamento senza l’uso di droghe, così io mi soffermo propriosull’era dopo la quale il doping è diventato prevalente. Naturalmente, qualche tipo di droga era usata anche nel 1950, si dice che i russi usassero qualche forma di testosterone o rudimentali forme di sostanze anabolizzanti sin da allora, ma l’abuso di doping è stato riportato dopo il 1960.

Io considero come i migliori metodi di allenamento mai usati, quelli degli atleti natural degli anni ’30-’40-’50. Questi metodi costruiscono un perfetto bilanciamento tra forza, muscoli e vita sana. Sono, inoltre, metodi usati da persone vere e che vivono una vita reale, non da culturisti professionisti che non fanno nulla eccetto allenarsi tutto il giorno.

E poiché i metodi della old school degli anni ’30-’40 e ’50 non portano al sovrallenamento, chiunque li utilizzi non ha bisogno di utilizzare steroidi anabolizzanti o altre droghe pericolose per recuperare da allenamenti estenuanti. Queste persone possono seguire metodi allenamento natural e possono farlo molto bene, sia in termini di forza e potenza, che in termini di sviluppo muscolare.

Di contro, le tecniche moderne di bodybuilding e i programmi moderni sono programmi basati sul doping. Funzionano se usi sostanze dopanti. Se non lo fai, ti porteranno prima o poi al sovrallenamento. Questo fa sì che siano insostenibili per gli atleti natural.

Chi è stato l’atleta più rappresentativo della Old School Training e perché?

Senza ombra di dubbio è stato John Grimek. I sollevatori di peso moderni non hanno alcuna idea dell’acclamazione  e dell’approvazione che Grimek aveva in ogni parte del globo. Egli fu sulla cima del mondo per un quarto di secolo e il suo impatto siul gioco del ferro fu enorme. Rese più famoso lui il mondo del ferro che qualsiasi altro pesista mai esistito.

John Grimek fu la “confezione completa”. Questa frase ora è diventata un cliché, ma nel suo caso si applica alla perfezione. Molte persone non lo sanno, ma Grimek fu il campione statunitense di weightlifting alle Olimpiadi del 1936. Pose diversi record nel military press. Vinse per due volte il campionato nord americano di weightlifting. In due o tre occasioni mise record del mondo sulla military press, ma a causa del tecnicismo, non ricevette mai il benestare pubblico per il record. Rappresentò l’America alle Olimpiadi del 1936 e, nuovamente, al campionato del mondo nel 1938.

Quando iniziarono a svolgersi le prime competizioni di bodybuilding, Grimek vi partecipò e vinse il Mr America due anni di seguito. Egli era così avanti rispetto agli altri culturisti della sua epoca che venne creata una regola ad personam (la così detta “Regola Grimek“) che vietava la reiscrizione ai vincitori dello stesso contest.

Nel 1948, a quasi 48 anni, Grimek vinse il Mr Universo a Londra battendo il grande Steve Reeves in una sfida epica.

L’anno successivo vinse il Mr America battendo numerosi altri Mr Amercia e culturisti al top del calibro di Steve Reeves and Clarence “Clancy” Ross.

Si ritirò imbattuto dalle competizioni culturistiche. Nessun altro culturista riuscì a vincere tutte le competizioni della sua epoca e ritirarsi imbattuto.

Grimek scrisse per la rivista di Bob Hoffman, Strength and Health, per qualcosa come 40 anni e, inoltre, scrisse per 20 anni per la rivista sorella Muscular Development.

Attraverso i suoi articoli e risposte, Grimek insegnò i metodi old school, gli stessi metodi che usò egli stesso con enorme successo, a centinaia di migliaia (forse milioni) di atleti in ogni parte del mondo.

Come puoi vedere, io sono un grande fan di Grimek. Ho anche scritto un libro su di lui. Lo puoi trovare cartaceo o in versione ebook nella libreria di amazon kindle dove è diventato un bestseller nella sua categoria in appena 24 ore (ciò dice tanto circa la fama e la notorietà di Grimek):

http://www.brookskubik.com/johngrimek_course.html

http://www.amazon.com/dp/B00ULMYL20

Conosci quale pesista italiano della old school?

Ricordo di tre atleti italo-americani, se può aiutare.

Il primo è Tony Terlazzo, che nacque in Italia, ma emigrò negli States quando era ancora piccolo, a 5 anni circa.

                                                                                                                                 T TTony terlazzo

Fu la prima medaglia d’oro olimpica americana nel moderno weightlifting. Divenne un campione mondiale plurimedagliato. Dal 1936 alla metà del 1940 fu il più forte al mondo nella sua categoria. Era anche ben messo fisicamente e prese parte a numerose gare di culturismo piazzandosi nei podi alti.

Toni era davvero molto forte e riusciva a distendere sopra la sua testa un carico pari al 160% del suo peso corporeo. E, bada bene, questo era un carico sollevato con un perfetto military press, senza piegamento delle gambe, spinta delle ginocchia e nessun inarcamento della bassa schiena e, soprattutto, vi riuscì senza utilizzare alcuna sostanza dopante o altre droghe.

E, attenzione, Toni non era dotato geneticamente. Pensa che quando iniziò ad allenarsi riusciva ad eseguire un military press con circa 36 kg quando iniziò il weightlifting. Più tardi riuscì a sollevare circa 120 kg. Questo è solo un esempio di ciò che l’Old School Training può fare per te.

Una delle notizie più interessanti riguardanti Toni Terlazzo era che egli utilizzò il potere della sua mente per vincere i campionati di weightlifting.

Non si poneva limiti mentali e non vedeva nessun carico come insollevabile.

Harry Paschall, autore di Iron Man, raccontò una storia su Tony. Era seduto su una panchina con lui prima dei campionati nazionali di sollevamento pesi. Toni parlò per ore dei carichi che avrebbe potuto sollevare nella competizione e dei suoi futuri obiettivi di sollevamento nelle gare future. Egli parlava con passione e convinzione ed era pienamente convinto di poter sollevare il carico più alto in assoluto. Paschall lo interpretò come una forma di auto-ipnosi.

Il secondo fu Bruno Sammartino.

b.s.

Bruno nacque in Italia, in Abruzzo. Durante la seconda guerra mondiale, la sua famiglia fu costretta a nascondersi sulle montagne e Bruno morì quasi di fame. Alla fine della guerra la sua famiglia emigrò negli USA. Il povero Bruno era un deboluccio di soli 44 kg che le prendeva dagli altri ragazzi. Così iniziò a praticare il sollevamento pesi e fece immediati progressi tanto da arrivare a 120 kg di solida muscolatura e mettere il record di bench press con 256 kg. Più avanti divenne un lottatore professionista diventando il campione del mondo dei pesi massimi. Mantenne il record per molti anni diventando uno tra i lottatori più famosi tra il 1960 e il 1970.

Bruno scrisse anche un breve libro sul culturismo che fu utile e molto usato dai ragazzi che volevano iniziare ad allenarsi. Io vidi una sua pubblicità in una rivista di lotta e lo ordinai quando avevo 11-12 anni. Fu il mio primo corso sul sollevamento pesi!

Il Terzo, e questo nome sorprenderà molti lettori, fu  il famoso tenore Mario Lanza.

m.l.

Mario era un italo-americano di prima generazione. Sua madre proveniva da Tocco da Casauria, in Abruzzo e suo padre da Filignano, in Molise. Marco, invece, nacque a Philadelphia.

Philadelphia fu la culla del sollevamento pesi e del culturismo in quegli anni.

C’era una magnifica e piccola palestra chiamata The South Phillie Weightlifting Club ed era situata al secondo piano di un edificio con sotto una rivenditoria di auto.

Era molto spartana, niente acqua corrente, riscaldamento e, tanto meno, aria condizionata. Le attrezzature erano le fondamentali: manubri, bilancieri e rack e panche di legno fatti in casa.

Nessuna altra attrezzatura eccetto piattaforme di legno.

Avevano una vecchia stufa in legno nella parte posteriore e, nei periodi invernali, vi si posizionava vicino il bilanciere per riscaldarlo un po’. Quando arrivavi in palestra dovevi usare quel bilanciere per il riscaldamento. Dopo il riscaldamento dovevi riposizionare il bilanciere accanto alla stufa per il prossimo ragazzo che necessitava di riscaldamento e passavi ad usare la barra più fredda, posta distante dalla stufa, come allenamento.

Questo posto sembrava un luogo dove fosse impossibile eseguire dei buoni workout. Ma, ascolta questo: nel 1948 aveva 7 atleti che competevano nel weightlifting alle olimpiadi. Due delle 7 medaglie d’oro olimpiche, John Davis e Frank Spellman, si allenavano in quella piccola palestra. Ciò dimostra cosa si può fare se non ci si lascia abbattere dalle circostanze e non ci si autocompatisce.

Comunque. Mario Lanza fu un grande fan di culturisti e pesisti quando era giovane. Quando divenne famoso, comparve nella rivista Strength and Health. Aveva un personal trainer che rispondeva al nome di Terry Robinson e avere un PT a quei tempi era molto raro. Costruirono una palestra a Hollywood a casa di Mario.

Bene. Passiamo ad un altro argomento. So bene che hai scritto per la rivista di Stuart McRobert, Hardgainer, per diversi anni. Ma tu sei sicuro di essere davvero un hardgainer? Tu sei molto più forte e grosso di qualsiasi altro hardgainer!

Prima di tutto, quando si cercano consigli sull’allenamento e conoscenze su come allenarsi, non ha nessuna importanza se si è un hardgainer o un easygainer. La cosa importante è la propria posizione sul consumo di sostanze dopanti e se si stanno usando sostanze dopanti nei propri allenamenti.

Se sei alla ricerca di buoni consigli sull’allenamento, ascolta le persone che supportano, promuovono e seguono allenamenti senza l’uso di sostanze dopanti.

Dimentica l’etichetta dell’hardgainer e focalizzati sul problema doping. Cerca qualcuno che conosce bene come si può costruire buona forza e massa muscolare senza l’uso di sostanze dopanti.

Il problema con l’etichetta “hardgainer” è che tu puoi solo giudicarla in retrospettiva. Troppi ragazzi discutono se loro stessi o altri sono degli hardgainer. La cosa importante è allenarsi, e allenarsi nel modo giusto. Se ci si allena nel modo giusto, le cose buone verranno.

John Grimek iniziò ad allenarsi a 18 anni. Pesava solo 54 kg. Nulla di tutto ciò suggeriva che sarebbe valutato, un giorno, come l’uomo meglio sviluppato al mondo. Ma egli ha creduto in se stesso e si è allenato in modo molto intelligente e molto duro e il resto, come si dice, è storia.

Ho già parlato di Tony Terlazzo. Non era affatto forte quando ha iniziato ad allenarsi. Nessuno avrebbe immaginato, quando iniziò ad allenarsi, che stava per costruire una forza e abilità di sollevamento di classe mondiale. Ma egli ha continuato a diventare un campione e titolare di record olimpici e mondiali.

O guarda Bruno Sammartino. Ha iniziato l’allenamento come un ragazzo debole di 44 chili. Si allenò e divenne uno strongman e un campione di lotta dal peso di  120 kg.

Sapete qual è stato il segreto del successo di Bruno?

Ne parla in quel vecchio corso che ho citato prima nell’intervista.

Racconta che altri ragazzi, molto più forti e grossi di lui, iniziarono ad allenarsi con lui quando lui era all’inizio.  Ma abbandonarono tutti. A uno a uno gettarono la spugna, persero interesse nel sollevamento pesi o decisero che il lavoro duro non faceva per loro. Ma Bruno continuò.  Non perse mai un allenamento per diversi anni, e cercava sempre di aggiungere sempre più peso al bilanciere. E guardate cosa è successo.

Nel mio caso, mi sono allenato per molti anni prima di capire il segreto di un allenamento per la forza veramente efficace. Dopo quasi 20 anni di allenamento, pesavo circa 81 chili, e non importava ciò che mangiavo  o come mi allanavo, non potevo aumentare più di quel peso. E anche i miei sollevamenti non aumentavano.

Sollevai, nel bench press, 145 kg quando avevo 19 anni. A 27 anni, riuscii a distendere 161 kg. Ciò rappresentava un guadagno medio di 2,2 kg l’anno. Suona più come un un hardgainer o come un easy gainer?

Più tardi, ho imparato ad allenarmi nel modo più efficace possibile. Quando l’ho fatto, il mio peso è salito vertiginosamente a 91 kg, e poi su fino a 96 kg, e poi a 102 kg. E ho aumentato enormemente la mia forza. riuscii a vincere molte competizioni di powerlifting e di distensioni su panca piana, tutti natural, e in questi sono inclusi cinque Campionati Nazionali degli Stati Uniti  di bench press (nella fascia di età del sub-master, categoria di peso 90 e 100).

Quindi, se mi hai osservato quando stavo guadagnando una media di 2,2 kg l’anno sulla panca, mi avresti definito un hardgainer.

Più tardi, dopo che ho imparato ad allenarsi nel modo giusto, mi avresti definito un easygainer gainer.

Chi era io?

Ero entrambi. È stato il giusto allenamento a fare la differenza.

Le etichette non significano nulla. E in molti casi, diventano una distrazione. Come ho detto prima, la cosa importante è quella di allenarsi e farlo nel modo giusto. Quando si impara come allenarsi correttamente, le cose buone accadono.

Arrivederci alla seconda parte dell’intervista!

P.S.: Gli allenamenti che hanno permesso di fare il salto di qualità a Brooks Kubik li trovi qui: http://oldschooltraining.net/the-secret-book-of-old-school-training-secure/