La storia del bent press inizia con Sandow che lo ha reso popolare alla fine del 1880 (insegnatogli a sua volta dal professor Attila).
Il bent prss era già utilizzato da Richard Pennel e dai fratelli McCann, ma fu Sandow a renderlo famoso tra gli atleti di lingua inglese.
Il Bent Press non è mai stato molto popolare con i sollevatori non anglo-americani poiché la loro stazza non gli permetteva di piegarsi in avanti o lateralmente abbastanza per fare una buona esecuzione (il mio amico Rudy Ravazzini mi dice che secondo le sue fonti erano proprio gli anglosassoni e i francesi in parte a non gradire il bent press perché longilinei. Secondo le sue fonti, nelle gare inglesi era stato addirittura proibito e, infatti, in seguito gli inglesi inventarono il Side Press come alternativa, oltre a prendere in giro i pesisti dell’est e austriaci, tedeschi e anche italiani dicendo che erano tozzi e barilotti proprio perché effefttuavano il bent press. Lo riporto per memoria storica, anche se ha poca importanza per l’efficacia e l’esecuzione dell’esercizio).
Molti sollevatori di peso, proprio a causa della mancanza di tecnica specifica, accusarono il bent press di essere un esercizio potenzialmente pericoloso.
L’esercizio sviluppa praticamente ogni muscolo del corpo, richiede non solo la forza nei muscoli sollevatori e stabilizzatori, ma richiede forza e flessibilità in quasi tutte le altre parti del corpo per mantenere l’equilibrio.
Il Bent Press è senza dubbio l’esercizio più difficile da padroneggiare al meglio.
Sii paziente, ci vuole tempo per sviluppare l’elasticità e la flessibilità necessaria per la corretta esecuzione del Bent Press. Inizia con un peso che puoi caricare agevolmente. Concentrati sulla forma, padroneggia la tecnica di salita (le prime volte, fatti aiutare da un trainer esperto).
Devi lasciare il tuo ego fuori dalla palestra quando esegui il bent press.
Ogni atleta può eseguire la tecnica del bent press con alcune variazioni personali e ci vorrà del tempo, ripetiamo, per padroneggiarla al meglio.
Importante è di ricordarsi sempre di tenere l’avambraccio perpendicolare al pavimento, per spingere l’anca indietro, non appena si inizia a piegarsi lateralmente e in avanti. È necessario, inoltre, ricordare quando iniziare a piegare la gamba destra, quando iniziare a spingere con tutta la forza contro il peso, quando iniziare ad eseguire lo squat finale, quanto tempo ci vuole per restare sotto il peso prima di salire, e quanto velocemente si deve risalire.
Nella spinta con la mano destra, la gamba destra deve essere in posizione perpendicolare, il gomito deve andare indietro in modo che non sia appoggiato sul fianco, ma che il tricipite sarà fermo sulla parte superiore della schiena (o sul gran dorsale). Per sostenere adeguatamente il peso, l’anca viene spinta indietro e verso il lato. La gamba sinistra è leggermente in avanti con le dita del piede rivolte in direzione del corpo, in altre parole con un angolo di circa 45 gradi rispetto all’asse delle spalle.
Ora i piedi sono in posizione, la gamba destra è diritta, la gamba sinistra è piegata al ginocchio, gli occhi all’altezza del peso, l’avambraccio è perpendicolare e si è pronti per lavorare bene col Bent Press.
Trovi un video old school qui: 


Vedi foto qui giù:
bent two 001

Impara altre tecniche della Old School qui: http://oldschooltraining.net/the-secret-book-of-old-school-training/

Alla prossima con altri interessanti articoli!

P.S.: Scarica il report gratuito sulla Old School da qui: http://oldschooltraining.net/report-gratuito/